“Il Leone d’inverno” di James Goldman

afUn rapporto bizzarramente fortissimo, fatto dalla passione che nutrono ancora l’uno per l’altra,fatto di furore, d’odio, d’amore, di menzogne, tenerezza, scontri, invenzioni; tutto questo, e molto di più, lega Enrico II Plantageneto Re d’ Inghilterra e la Regina Eleonora d’Aquitania (già Regina di Francia) sposati da ben 31 anni. Il ” fulcro ” della commedia è il loro tempestoso ed imprevedibile rapporto.Intorno alla coppia Regale ruotano, con molta importanza, altri 5 personaggi. 1 tre figli maschi. Riccardo, Goffredo e Giovanni; uniti e disuniti nello stesso modo per combattere, ora contro il padre, ora contro la madre, per costruire e sciogliere alleanze all’insaputa magari l’uno dell’altro, per cercare con tutti i mezzi di salire sul trono. Enrico infatti ha deciso che in questi giorni di Natale 1183, nel suo castello di Chinon in Bretagna ( dove l’azione ha luogo ), deciderà chi sarà il suo erede.Nel centro della bufera, contesa per ragioni politiche, c’è la giovane Alice, innamorata profondamente ed amante di Enrico, che Enrico dovrebbe però sacrificare per darla in sposa ad un suo figlio, secondo un patto segnato, ai suoi tempi, con Luigi VII Re di Francia. Ma il Re di Francia è ora, prepotentemente presente nella commedia, l’imprevedibile ambiguo Filippo, detto il Bello.

Mettere in scena una commedia che tutti ricordano soprat­tutto come un succes­so cinematografico, credo sia principal­mente un ostinato gesto di fiducia nella forza del Teatro. Senza i campi-lunghi del castello di Chinon, ìe scene di massa, il primo piano dei prota­gonisti, può il testo di Goldman, sulle “vec­chie tavole del palco­scenico”, intrattenere piacevolmente il pub­blico con la sola forza della sua scrittura che gioca a ricordare ora un dramma storico, ora una commedia familiare, precipitan­do i suoi personaggi “blasonati” in situa­zioni da litigio “in cucina” o, ben che vada, “in tinello” ? Il rapporto di amore-odio fra Enrico ed Eleonora è il punto focale attorno a cui ruota la commedia. Seppur chimicamente fatti l’uno per l’al­tra, il loro essere Re e Regina li costringe a divenire spietati pur di conquistare un lembo di terra in più. Strategie, Seduzioni e Cattiverie, sono però identiche a quelle di una comune coppia che cerca di proteggere quello che oggi si suol definire “il mio spazio vitale”. Attorno ad Enrico ed Eleonora ruotano personaggi che analogamente si industriano a conquistare il potere, sia esso pubblico o privato, dimostrando tutti di avere al loro arco frecce intrise di veleno a cui fa da anti­doto quello spiraglio di bontà che, a volte, abita anche nelle nature più pericolose. Tra scene e costumi di un anno 1183 più vagheggiato che ricostruito si muovono queste figure, che sotto azioni, parole e gesti “improbabili” nascondono, forse, una naturale, riconoscibile e umana “cat­tiveria”.

 

Personaggi:    5  uomini   -   2   donne

Download copione:  LION IN WINTER, THE (PETRUZZI)