LEIGH, Mike

Visualizzazione di tutti i 3 risultati

Mike Leigh (nato il 20 febbraio 1943) è uno scrittore e regista inglese di film e teatro. Ha studiato alla Royal Academy of Dramatic Art (RADA) prima di perfezionare le sue capacità di regista presso la East 15 Acting School e in seguito alla Camberwell School of Art, alla Central School of Art and Design e alla London Film School. Ha iniziato come regista teatrale e drammaturgo a metà degli anni ’60.
Negli anni ’70 e ’80 la sua carriera si è spostata tra il lavoro teatrale e la realizzazione di film per la BBC Television, molti dei quali sono stati caratterizzati da un grintoso stile “realismo da cucina”. Tra i suoi film famosi ricordiamo le commedie Life is Sweet (1990) e Career Girls (1997), il film biografico di Gilbert e Sullivan Topsy-Turvy (1999) e il triste dramma della classe operaia All or Nothing (2002). I suoi lavori più importanti sono la commedia nera Naked (1993), per la quale ha vinto il premio come Miglior Regista a Cannes,] il film premio Oscar®, BAFTA e Palme d’Or Secrets & Lies (1996), il dramma della classe operaia vincitrice del Leone d’oro Vera Drake (2004) e la biopic nominata alla Palma d’Oro Mr. Turner (2014). Alcuni dei suoi spettacoli teatrali degni di nota includono Smelling A Rat, It’s A Great Big Shame, Tragedia greca, Goose-Brufoli, Ecstasy e Abigail’s Party.
Leigh è noto per le sue lunghe prove e tecniche di improvvisazione con attori per costruire personaggi e narrativa per i suoi film. Il suo scopo è quello di catturare la realtà e presentare “film emotivi, soggettivi, intuitivi, istintivi, vulnerabili.”La ​​sua estetica è stata paragonata alla sensibilità del regista giapponese Yasujirō Ozu. I suoi film e spettacoli teatrali, secondo il critico Michael Coveney, “comprendono un corpus caratteristico, omogeneo, che è paragonabile a quello di chiunque nel teatro e nel cinema britannico nello stesso periodo.”Coveney ha inoltre sottolineato il ruolo di Leigh nell’aiutare a creare star – Liz Smith in Hard labour, Alison Steadman in Abigail’s Party, Brenda Blethyn in Grown-Ups, Antony Sher in Goose-Pimples, Gary Oldman e Tim Roth nel frattempo, Jane Horrocks in La vita è dolce, David Thewlis in Naked-e commentato che l’elenco di attori che hanno lavorato con lui nel corso degli anni – tra cui Paul Jesson, Phil Daniels, Lindsay Duncan, Lesley Sharp, Kathy Burke, Stephen Rea, Julie Walters – “comprende un impressionante, quasi rappresentativo, nucleo di eccezionale talento recitativo britannico “Ian Buruma, scrivendo nel New York Review of Books nel gennaio 1994, ha osservato:” È difficile salire su un autobus di Londra o ascoltare la gente al tavolo accanto in una caffetteria senza pensare a Mike Leigh. Come gli altri artisti originali, ha messo in gioco il proprio territorio. La Londra di Leigh è distintiva come la Roma di Fellini o la Tokyo di Ozu.