TRAVERS, Ben

Visualizzazione di tutti i 9 risultati

Ben Travers CBE AFC (12 novembre 1886 – 18 dicembre 1980) è stato uno scrittore inglese. La sua produzione comprende più di venti opere teatrali, trenta sceneggiature, cinque romanzi e tre volumi di memorie. È ricordato per la sua lunga serie di farse, messe in scena negli anni ’20 e ’30 all’Aldwych Theatre. Molti di questi sono stati trasformati in film e in seguito produzioni televisive.
Dopo aver lavorato per alcuni anni nel commercio all’ingrosso di generi alimentari di famiglia, che detestava, Travers ricevette un posto di lavoro dall’editore John Lane nel 1911. Dopo il servizio come pilota nella prima guerra mondiale, iniziò a scrivere romanzi e opere teatrali. Trasformò il suo romanzo del 1921, The Dippers, in un’opera teatrale che fu prodotta per la prima volta nel West End nel 1922. La sua grande occasione arrivò nel 1925, quando l’attore-manager Tom Walls acquistò i diritti per il suo spettacolo A Cuckoo in the Nest, che durò più di un anno all’Aldwych. Ha seguito questo successo con altre otto farse per Walls e il suo team; l’ultimo della serie fu chiuso nel 1933. La maggior parte delle farse furono adattate per il cinema negli anni ’30 e ’40, con Travers che scriveva le sceneggiature per otto di esse.
Dopo che la serie Aldwych si concluse, nel 1935 Travers scrisse un dramma serio con un tema religioso. Non ha avuto successo e è tornato alla commedia. Delle sue ultime farse solo uno, Banana Ridge (1938), rivaleggiava con le corse dei suoi successi degli anni ’20; fu girato nel 1942. Durante la Seconda Guerra Mondiale Travers prestò servizio nella Royal Air Force, lavorando nell’intelligence, e in seguito prestò servizio presso il Ministero dell’Informazione, producendo contemporaneamente due spettacoli ben accolti.
Dopo la guerra, la produzione di Travers declinò; ha avuto un lungo periodo di riposo dopo la morte di sua moglie nel 1951, sebbene abbia collaborato a qualche revival e adattamento dei suoi primi lavori. Tornò alla sceneggiatura nel 1968. Fu ispirato a scrivere una nuova commedia nei primi anni ’70, dopo che l’abolizione della censura teatrale in Gran Bretagna gli permise di scrivere senza evasione sulle attività sessuali, uno dei suoi argomenti preferiti. L’opera risultante, The Bed Before Yesterday (1975), presentata quando aveva 89 anni, è stata la più lunga di tutte le sue opere teatrali, superando facilmente le sue farse di Aldwych.