LA CASA DA TE’ ALLA LUNA D’AGOSTO ,

Un anno dopo la fine della seconda guerra mondiale, il capitano Fisby viene inviato ad americanizzare il villaggio di Tobiki su Okinawa, la più grande delle isole Ryukyu. Il suo comandante, il colonnello Purdy Wainwright III, gli assegna come interprete un astuto locale, Sakini.

Fisby cerca di attuare i piani previsti, incoraggiando gli abitanti a costruire una scuola a forma di pentagono, ma questi invece intendono costruire una casa da tè. Fisby viene gradualmente avvicinato ai costumi e alle usanze locali con l’aiuto di Sakini e di Lotus Blossom, una giovane geisha chiamata dagli abitanti del villaggio per lavorare nella casa da tè.

Per rilanciare l’economia, il capitano Fisby convince gli abitanti del villaggio a fabbricare anche piccoli oggetti da vendere come souvenir, come gabbie per grilli portafortuna, calzature in legno giapponese chiamate Geta e cappelli di paglia, ma tali oggetti rimangono invenduti, con grande rammarico del capitano e degli abitanti di Tobiki. Successivamente Fisby fa una felice scoperta. Gli abitanti del villaggio preparano una potente bevanda alcolica, che fermenta nel giro di pochi giorni, e che trova subito un grande mercato nell’esercito americano. Grazie al conseguente afflusso di denaro, la casa da tè viene costruita in brevissimo tempo.

Insospettito dagli strani rapporti che riceve, il colonnello Purdy invia lo psichiatra McLean a visitare il capitano Fisby, ma il nuovo arrivato è anch’egli rapidamente conquistato dalla vita nel villaggio e dalla possibilità di coltivare ortaggi biologici. Dopo poco, sia il capitano Fisby che lo psichiatra McLean abbandonano la divisa militare per vestirsi con Geta e accappatoio (che Fisby sostiene essere il proprio kimono) e con un cappello di paglia che Fisby definisce come il suo “condizionatore d’aria” (copricapo indossato dagli agricoltori di Okinawa). Anche McLean è entusiasta dei semplici costumi degli abitanti del luogo e delle abitudini, come lavorare la terra e bere tè guardando il tramonto.

Non ricevendo più nessun rapporto coerente e sensato da entrambi gli ufficiali, il colonnello Purdy si presenta di persona al villaggio sorprendendo Fisby e McLean, con i loro nuovi abbigliamenti del luogo. Entrambi stanno eseguendo una canzone chiassosa durante la festa inaugurale della nuova casa da tè. Indignato, il colonnello Purdy ordina che l’edificio venga distrutto, ma in uno slancio di lungimiranza, gli abitanti del villaggio fanno solo finta di smantellare la casa da tè.

Ironia della sorte, il villaggio viene scelto dal Comandante Supremo delle Forze Alleate SCAP come un esempio di successo della democratizzazione americana. Questo porta la casa da tè a essere riassemblata in breve tempo, senza più la minaccia di distruzione da parte del colonnello Purdy.

10.0015.00 IVA esclusa

Svuota

Personaggi: 13 uomini – 5 donne

Autore

Numero di Donne

Numero di Uomini

Supporto Sceneggiatura

, ,

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “LA CASA DA TE’ ALLA LUNA D’AGOSTO”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *